Notizie

Capodanno in Piazza Maggiore: si balla con il dj set di Kong

Il 31 dicembre in Piazza Maggiore si balla con il dj set di Kong. La tradizionale festa con il rogo del Vecchione – costruito anche quest’anno in maniera partecipata da scolaresche e cittadini con laboratori curati da Cantieri Meticci attraverso l’utilizzo di materiale di recupero – comincerà intorno alle 22 con la musica di Cristiano Rinaldi in arte Memoryman aka Uovo, Dino Angioletti e Andrea Bassi, i tre Dj scelti da Kong, ovvero il concept innovativo nato a Bologna e diventato in breve tempo un’icona nel calendario emiliano, un immaginario ormai riconosciuto anche nel panorama nazionale.

Kong è un brand che si avvale di dj locali e ospiti di caratura nazionale e internazionale e raccoglie l’importante eredità della scena house italiana, reinterpretandola con uno sguardo all’avanguardia per rivisitare ed animare gli spazi con proiezioni, light designing e video mapping, trasformandoli in una scenografia ricercata e unica.

Per il Capodanno di Bologna i tre Dj di Kong, sotto la direzione artistica di Giacomo Berti Arnoaldi Veli, si avvicenderanno alla consolle con una scaletta che spazia tra la musica disco con influenze funky, jazz e afro, per fare divertire e ballare tutto il pubblico della piazza, mentre la facciata di Palazzo d’Accursio si accenderà con le immagini ispirate alla selezione musicale.

In consolle:

MEMORYMAN aka UOVO – saggezza, passione e rispetto sono le tre caratteristiche fondamentali per descrivere Cristiano Rinaldi in arte Memoryman aka Uovo. Componente del leggendario collettivo Pastaboys assieme a Rame e Dino Angioletti, Memoryman è diventato, nel corso degli ultimi venti anni, uno degli artisti più acclamati del nostro Paese. Instancabile collezionista di vinili ed acuto osservatore dei suoni della club culture, riesce ad esibirsi in set che sconfinano tra house, funk, disco e techno. Dalla sua prima uscita nel 1994 ha collezionato più di una cinquantina di releases oltre ad un numero imprecisato di serate dove Memoryman è riuscito senza nessun calo di tensione, sbavatura o concessione a scorciatoie facili nel delineare il suo percorso nel clubbing italiano ed europeo.

DINO ANGIOLETTI – nato fra le mura del  Kinki, uno dei club culto per lo sviluppo dell’ondata house italiana, Dino Angioletti ha subito catalizzato l’attenzione di tutta la scena, grazie ad una personalissima interpretazione dell’elettronica, fra influenze techno detroit, approccio deep e spiccato senso del groove. Dal 1994 diventa membro della crew Pastaboys, insieme a Uovo e Rame, con i quali produce svariate hit, collabora con personaggi come Osunlade, Wunmi, Masters At Work e Label come Defected e Strictly Rhythm e nel 2000 fonda la label Manocalda Records, che diventa un punto di riferimento della scena dance underground italiana nel mondo. Dal 2015 insieme a Fabrizio Maurizi crea un nuovo progetto, Bassa Clan con cui produce diversi EP usciti solo su vinile che riescono a catalizzare l’attenzione di svariati dj internazionali.

ANDREA BASSI – la voglia di iniziare a suonare nasce nel ’98 ad Ibiza dove passa due stagioni lavorando con Andrea Pelino Antonio (Circoloco) e dj Cirillo al dc10. Il suo percorso prosegue per 10 anni partecipando ai migliori party italiani e internazionali. Negli ultimi anni si concentra sulla scena bolognese; nella stagione 2007-2008 è resident dj al Playhouse Goes To Kindertgarten. La stagione seguente la passa nella consolle del ‘The Club’, dove si svolgono le Peacock Night. Attualmente è resident del ‘Link’ di Bologna e di alcune serate della Capannina. Partecipa negli anni ai migliori party italiani come ‘Street Parade’ e nei migliori locali italiani come il Cocoricò, Kinder, Blue Marlin (Ibiza), Jockey Club (Ibiza), Le Club, Maffia, La Capannina, Kinki e molti altri. Durante questi 10 anni di lavoro condivide la consolle con i migliori artisti del panorama musicale come LOco Dice, Marco Carola, Tania Vulcano, Ricky L, Steve Bug, Motor City Drum, Jay Haze, Pedro, Toby Nuemann, Pastaboys, Jose De Divina e molti altri.

 

Fonte: Comune di Bologna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *